La ricetta della cassata siciliana

406
cassata siciliana ricetta originale

La cassata siciliana è un tripudio di colori e di profumi!!! Suntuosa e imponente è il dolce per eccellenza della tradizione siciliana insieme ai cannoli.

Agghindata da decorazione di glassa stile barocco e frutta candita la cassata è la dolcezza infinita in un solo boccone, è il paradiso per gli audaci e l’inferno per i golosi.

Ad ogni boccone sale sempre più la voglia irrefrenabile di gustarne ancora. È straordinario come un dessert così dolce riesca a mantenere, con un giusto equilibrio tra gli ingredienti, la delicatezza che la caratterizza.

La storia della cassata siciliana risale all’epoca della dominazione araba in Sicilia, siamo dunque tra il IX-XI secolo. Proprio agli arabi si deve l’introduzione in Sicilia dello zucchero di canna, del limone, del cedro e del mandarino e dell’arancia che come noto a tutti sono i fiori all’occhiello della conca d’oro siciliana, onore di tutto il territorio e di cui tutto il mondo gode e gusta i sapori unici e sublimi.

In verità la cassata siciliana al forno era la prima versione di questo dessert e la ricetta  della cassata siciliana al forno prevedeva la delicatissima crema di ricotta racchiusa tra due dischi di pasta frolla.

Solo in seguito sotto il periodo Normanno si ebbe la nascita di quella che noi tutti conosciamo come cassata siciliana, i cui ingredienti sono pan di spagna, pasta reale, crema di ricotta, gocce di cioccolato e canditi.

Pensate a quei tempi per ottenere il tipico colore verde della pasta reale mescolavano la farina di mandorle e lo zucchero con estratti di erbe che conferivano alla pasta la sua tipica colorazione verde smeraldo.

Nella tradizione siciliana antichissima la cassata siciliana veniva prodotta tipicamente ed esclusivamente dalle monache locale che la preparavano come dolce pasquale per poi nel tempo raggiungere tutte le case dei siciliani ed oltre territorio. La glassa per la cassata siciliana dalla consistenza molto intensa è delicata al palato e porta con sé tutti i sapori degli agrumi in essa presenti.

La ricetta della crema di ricotta (usando rigorosamente la ricotta di pecora) che oggi vi propongo insieme alla restante del procedimento per la realizzazione della cassata siciliana in modo semplice e facile, può anche essere utilizzata per chi volesse cimentarsi nella farcitura della cassata siciliana al forno, basta tener presente che in tal caso dovete usarla come farcia tra due dischi di pasta frolla e poi cuocere in forno.

A questo punto dopo aver fatto mangiare la mente con tutte queste info che sicuramente vi avranno fatto venire l’acquolina in bocca, vediamo insieme come preparare la nostra cassata.

INGREDIENTI

Per uno stampo da 25-27 cm vi occorreranno due dischi di Pan di Spagna, la crema di ricotta, la bagna al maraschino, la glassa fondente per la copertura e del marzapane verde e frutta candita per decorare.

La ricetta del Pan di spagna è semplicissima da eseguire e preferisco approfondire maggiormente la restante parte della preparazione della cassata.

PER LA CREMA DI RICOTTA

  • 1KG DI RICOTTA DI PECORA
  • 300 GR DI ZUCCHERO A VELO
  • 2 CUCCHIAINI DI ESTRATTO DI VANIGLIA PURO
  • 1 BUSTINA DI VANILLINA
  • 150 GR DI GOCCE DI CIOCCOLATO
  • 100 GR DI CANDITI

PER LA BAGNA AL MARASCHINO

  • 200 ml di acqua
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 1 tazzina di maraschino
  • 1 buccia di limone

 PER LA GLASSA FONDENTE

  • 350 DI ZUCCHERO A VELO
  • ¾ CUCCHIAINI DI ACQUA
  • UNA FIALETTA DI AROMA  AGLI AGRUMI

PER LA DECORAZIONE

Per la pasta reale verde basta seguire La Ricetta Del Marzapane e aggiungervi del colorante alimentare in gel verde per dare la tipica tonalità della pasta reale usata per la cassata. Avrete inoltre bisogno di:

  • -ARANCIA CANDITA
  • -CEDRO CANDITO
  • -CILIEGIE CANDITE                        

Procedimento per la realizzazione della cassata siciliana

Iniziate la preparazione della cassata con un giorno di un anticipo preparandovi il pan di Spagna così si raffredderà lentamente e sarà ben sodo al momento del suo utilizzo. Contemporaneamente versate la ricotta di pecora in un colino e ponetelo in frigo per tutta la notte in modo che perderà tutto il siero. Il giorno seguente lavorate la ricotta con lo zucchero, la vanillina, l’estratto puro di vaniglia fino ad ottenere una crema omogenea e setosa.

Aggiungere a questo punto le gocce di cioccolato ed i canditi. Preparate la bagna portando a bollore l’acqua, lo zucchero e la buccia di limone. Quando sarà diventata della consistenza di uno sciroppo, spegnete e aggiungete la tazzina di maraschino e lasciate raffreddare.

Per assemblare la cassata prendete uno stampo da 25-27 cm di quelli di alluminio utilizzati anche per la pastiera napoletana, e rivestitelo con della carta forno.

Stendete su un piano la pasta reale verde spolverizzando il piano con della maizena per evitare che la pasta reale di appiccichi. Foderate solamente il bordo dello stampo con la pasta reale eliminando l’eccesso con un coltello.

Tagliate un primo disco di pan di spagna del diametro del fondo dello stampo e posizionatelo sulla base dello stesso. Con l’aiuto di un pennello di silicone bagnate il disco di pan di spagna con la bagna al maraschino.

Versate la crema di ricotta livellandola per bene.

Coprite con un altro disco di pan di spagna e bagnate nuovamente con la bagna al maraschino. Riponete in frigo per almeno 3-4 ore.

Trascorso il tempo versate in una ciotola lo zucchero a velo, la fialetta di aroma agli agrumi e i cucchiaini di acqua e con una frusta lavorate energicamente fino ad ottenere la consistenza tipica della glassa fondente.

Capovolgete su un piatto per torta la cassata. Versate la glassa fondente sulla cassata e distribuitela uniformemente su tutta la superficie fino a coprire i bordi.

Guarnite la cassata con delle fette di arancia, di cedro candito e con delle ciliegie candite. Riponete in frigo fino al momento in cui dovete portarla in tavola.