Ricetta della calamarata ai frutti di mare – La cucina della felicità

6671
ricetta della calamarata ai frutti di mare

2La calamarata ai frutti di mare è un piatto a base di sugo ai frutti di mare molto semplice da preparare ma di gran gusto.

Nella cucina tradizionale campana è molto utilizzata nei pranzi della domeniche o per le occasioni speciali come una cena romantica e cerimonie. La ricetta tradizionale della calamarata napoletana prevede l’uso della calamarata trafilata al bronzo.

calamarata ai frutti di mare

La calamarata trafilata di bronzo è un tipo di pasta corta di semola di grano duro, la cui forma prende origine dalla forma dell’anello di calamaro di cui proprio per mezzo della lavorazione di trafilatura al bronzo ne ricorda anche la rugosità esterna.

È un formato di pasta che è particolarmente adatta proprio alla preparazione di primi a base di pesce misto, perché molto corposa e adatta a valorizzare ed esaltare notevolmente il sapore di questi sughi di pesce.

Ha tempi di cottura più lunghi rispetti alla comune pasta di semola e tende a rimane molto ardente, proprio per questo motivo è perfetta anche per realizzare preparazioni di calamarata al forno ovviamente condita con i sughi che maggiormente si preferisce.

I frutti di mare sono un insieme di alimenti di origine animale che nella gran parte delle ricette prevede l’uso di prodotti di origine marina ma in realtà ne esistono anche di acqua dolce. I frutti di mare maggiormente utilizzati appartengono alla famiglia dei molluschi e dei crostacei.

I molluschi che presentano una conchiglia interna o sprovvisti di essa sono: il polpo, la seppia, il calamaro, il totano, il moscardino ad esempio.

Invece i molluschi che presentano una conchiglia esterna sono ad esempio le lumache e le orecchie di mare.

Molto comuni invece sono i molluschi bivalvi cioè racchiusi tra due conchiglie esterne. Tra questi abbiamo le vongole, i fasolari, le cozze, le telline, le ostriche e ancora capesante, lupini di mare, datteri di mare, tartufi di mare e cannolicchi.

I crostacei invece hanno una forma allungata con una coda che termina quasi come se fosse un piccolo ventaglietto. I più utilizzati in cucina sono i gamberi e gamberetti di diversa pezzatura, i granchi, l’aragosta, l’astice e gli scampi.

La ricetta della calamarata che vi proponiamo ovviamente prevede l’impiego del formato trafilato al bronzo.Un ottimo vino da abbinare alla calamarata ai frutti di mare è un vino bianco di media corposità.

COME PREPARARE LA CALAMARATA AI FRUTTI DI MARE INGREDIENTI PER 5 PERSONE

  • 500 GR DI CALAMARATA TRAFILATA AL BRONZO
  • 3 CALAMARI
  • 1 POLPO PICCOLO
  • 6/7 GAMBERONI
  • 1 KG TRA COZZE, VONGOLE E FASOLARI
  • 1 KG DI POMODORINI FRESCHI
  • AGLIO
  • OLIO
  • PEPERONCINO
  • VINO BIANCO

Iniziate col preparare il sughetto ai frutti di mare. Pulite, lavate e tagliate ad anelli i calamari e a tocchetti il polpo. Sciacquate le vongole, le cozze precedentemente pulite e i fasolari e rimettetele in acqua con un pizzichino di sale fino. Tritate l’aglio, il peperoncino e il prezzemolo e metteteli in una padella molto ampia con l’olio.

Lasciate rosolare per qualche minuto dopo di che aggiungete il polpo e i calamari. Dopo 3-4 minuti sfumate con vino bianco. Aggiungete i pomodorini precedentemente tagliati a pezzettini e portate a cottura il sughetto.

Quando saranno cotti il polpo e i calamari aggiungete al sugo le vongole, le cozze e i fasolari e i gamberi e coprite finché non si aprono. Salare leggermente il sughetto.

Cuocete la calamarata in acqua bollente salata e quando sarà cotta saltare la pasta nel sugo ai frutti di mare. Spolverizzare con abbondante prezzemolo.